La mini-invasività ed il risparmio tissutale: limiti