In Puglia verso un nuovo modello colturale per oliveti e vigneti da vino irrigui