Partendo da un verso di Paul Celan, ci si interroga sul tema delle migrazioni, mettendo in connessione il nostro essere stranieri a noi stessi e l'estraneità dell'altro

«Con alberi cantati verso terra / vanno i relitti del cielo». E questo canto sei tu

CAPUTO, ANNALISA
2016

Abstract

Partendo da un verso di Paul Celan, ci si interroga sul tema delle migrazioni, mettendo in connessione il nostro essere stranieri a noi stessi e l'estraneità dell'altro
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
01.2 A. Caputo - Con alberi cantati verso terra vanno i relitti del cielo.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 935.89 kB
Formato Adobe PDF
935.89 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/194002
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact