I RIASORBIMENTI ESTERNI: DUE CASI CLINICI