UN GIUDICATO "EUROPEO" SULLA GIURISDIZIONE?