Sulla scenografia del 'Trionfo'