“Produzione artistiche diasporiche come politica della trasfigurazione”,