Dialogare «fuori del nostro intendere»: appunti per un'archeologia del fantastico