«Metamorfosi, migrazioni: ‘Oppio per Ovidio» di Yoko Tawada»