L'avvenire è una macchina grottesca: Jarry, Savinio