Paolo Frisi scrisse il Saggio sul Galileo per la celebre rivista milanese «Il Caffè» (1765). Con l’abito dei padri barnabiti, Frisi (1728-1784) fu matematico e fisico, consulente d’idraulica e di elettricità, scienziato e scrittore tra i riformatori, protagonisti della rivista milanese nella Lombardia asburgica. Nella sua polemica antigesuitica, Frisi riprese argomenti di illuministi e philosophes, apparsi al momento della soppressione della Compagnia, sul fondamento che «Galileo non avesse voluto dir altro se non ciò che è verissimo». Il barnabita replicava pure a d’Alembert, che nel Dizionario enciclopedico poneva Galileo in seconda schiera, dopo i «geni primari» di Bacone, Cartesio e Newton. Sulla vicenda dello scienziato pisano, Frisi consegnò osservazioni acute, ma inserite in una prospettiva duale: la sua sintesi vive della drammatica contrapposizione tra il destino di Galileo e quello di Newton, nella contrapposizione tra le strutture repressive dell’oscurantismo cattolico e la libertà di pensiero e il civile dibattito degli inglesi.

Uno scienziato pisano al «Caffè» dei Lumi. P. Frisi fra Elogio e Saggio sul Galileo

Filieri Emilio
2021

Abstract

Paolo Frisi scrisse il Saggio sul Galileo per la celebre rivista milanese «Il Caffè» (1765). Con l’abito dei padri barnabiti, Frisi (1728-1784) fu matematico e fisico, consulente d’idraulica e di elettricità, scienziato e scrittore tra i riformatori, protagonisti della rivista milanese nella Lombardia asburgica. Nella sua polemica antigesuitica, Frisi riprese argomenti di illuministi e philosophes, apparsi al momento della soppressione della Compagnia, sul fondamento che «Galileo non avesse voluto dir altro se non ciò che è verissimo». Il barnabita replicava pure a d’Alembert, che nel Dizionario enciclopedico poneva Galileo in seconda schiera, dopo i «geni primari» di Bacone, Cartesio e Newton. Sulla vicenda dello scienziato pisano, Frisi consegnò osservazioni acute, ma inserite in una prospettiva duale: la sua sintesi vive della drammatica contrapposizione tra il destino di Galileo e quello di Newton, nella contrapposizione tra le strutture repressive dell’oscurantismo cattolico e la libertà di pensiero e il civile dibattito degli inglesi.
978-88-907905-7-7
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/373412
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact