Della vita e carriera di Emilio Macro si sa molto poco. Non si conosce neppure il nome completo: nell'Index Florentinus risulta solo Macer, mentre il nomen Aemilius compare attestato in tre inscriptiones nei Digesta giustiananei. Emerge, invece, a giudicare dagli argomenti trattati nelle sue opere, una significativa esperienza, ad un livello elevato, nell'amministrazione imperiale: si tratta, infatti, di una produzione che appare fortemente incentrata sulla gestione territoriale in tutte le sue articolazioni. Dell'opera del giurista il volume raccoglie: il de officio praesidis, dedicato al governatore provinciale, che costituisce, probabilmente in analogia con la di poco precedente, ma assai più ampia e complessa, opera di Ulpiano sull'ufficio del proconsole, un manuale di istruzioni per «il buon governatore»; l'ad legem vicensimam hereditatium, l'unica opera a noi nota di commento alla legge sulla tassa del 5% su eredità e legati; il de re miltari, dedicato all'esperienza militare; e il de appallationibus, dedicato all'analisi di alcuni peculiari aspetti dell'istituto dell'appello, probabilmente quelli che si erano andati a stabilizzarsi nella prassi, soprattutto alla luce dell'orientamento oramai consolidato della cancelleria imperiale, e l'esame dei quali poteva tornare utile agli operatori giuridici del tempo.

Aemilius Macer. De officio praesidis. Ad legem XX hereditatium. De re militari. De appellationibus

sergio Alessandrì
2020

Abstract

Della vita e carriera di Emilio Macro si sa molto poco. Non si conosce neppure il nome completo: nell'Index Florentinus risulta solo Macer, mentre il nomen Aemilius compare attestato in tre inscriptiones nei Digesta giustiananei. Emerge, invece, a giudicare dagli argomenti trattati nelle sue opere, una significativa esperienza, ad un livello elevato, nell'amministrazione imperiale: si tratta, infatti, di una produzione che appare fortemente incentrata sulla gestione territoriale in tutte le sue articolazioni. Dell'opera del giurista il volume raccoglie: il de officio praesidis, dedicato al governatore provinciale, che costituisce, probabilmente in analogia con la di poco precedente, ma assai più ampia e complessa, opera di Ulpiano sull'ufficio del proconsole, un manuale di istruzioni per «il buon governatore»; l'ad legem vicensimam hereditatium, l'unica opera a noi nota di commento alla legge sulla tassa del 5% su eredità e legati; il de re miltari, dedicato all'esperienza militare; e il de appallationibus, dedicato all'analisi di alcuni peculiari aspetti dell'istituto dell'appello, probabilmente quelli che si erano andati a stabilizzarsi nella prassi, soprattutto alla luce dell'orientamento oramai consolidato della cancelleria imperiale, e l'esame dei quali poteva tornare utile agli operatori giuridici del tempo.
978-88-913-2004-9
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11586/365153
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact