Il II Concilio di Lione nel 1274 sancì la proibizione di fondare nuovi ordini religiosi (in particolare Mendicanti) impedendo che in quelli nati dopo il 1215 entrassero nuovi novizi, salvo per quelli confermati dalla Sede apostolica o ritenuti utili alla Chiesa universale. Il contributo si prefigge di mostrare come il secondo criterio, soprattutto, giocò un ruolo decisivo per orientare le scelte del papato nella seconda metà del XIII secolo in materia di vita religiosa. In particolare, alla luce delle tribolate vicende interne all'Ordine dei Frati Minori nei decenni centrali del Duecento e dei problemi ecclesiali ed ecclesiologici discussi a Lione nel 1274, appare chiaro quanto Gregorio X avesse compreso l'utilitas dei Minori per il papato e al contempo quanto il Ministro Generale dei Frati Minori, Bonaventura da Bagnoregio, avesse costruito la difesa del proprio ordine proprio grazie alla elaborazione di un'ecclesiologia fondata sul primato petrino.

«...quos evidens ex eis utilitas ecclesiae universalis...»: Gregorio X e l'ordine dei frati Minori

Silanos, Pietro Maria
2015

Abstract

Il II Concilio di Lione nel 1274 sancì la proibizione di fondare nuovi ordini religiosi (in particolare Mendicanti) impedendo che in quelli nati dopo il 1215 entrassero nuovi novizi, salvo per quelli confermati dalla Sede apostolica o ritenuti utili alla Chiesa universale. Il contributo si prefigge di mostrare come il secondo criterio, soprattutto, giocò un ruolo decisivo per orientare le scelte del papato nella seconda metà del XIII secolo in materia di vita religiosa. In particolare, alla luce delle tribolate vicende interne all'Ordine dei Frati Minori nei decenni centrali del Duecento e dei problemi ecclesiali ed ecclesiologici discussi a Lione nel 1274, appare chiaro quanto Gregorio X avesse compreso l'utilitas dei Minori per il papato e al contempo quanto il Ministro Generale dei Frati Minori, Bonaventura da Bagnoregio, avesse costruito la difesa del proprio ordine proprio grazie alla elaborazione di un'ecclesiologia fondata sul primato petrino.
978-88-6809-067-8
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Silanos.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 259.03 kB
Formato Adobe PDF
259.03 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11586/314081
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact