La dignità “possibile” dei nuovi lavori