Il patrimonio ovino italiano, che ha subito irrilevanti modifiche dagli inizi del 1900, si aggira sugli 11 milioni di capi ed è concentrato per il 95% nell’Italia centro meridionale ed insulare (fig 1 e 2; tab 1). Dal punto di vista genetico esso risulta per il 70% costituito da razze a preminente produzione latte o carne e per il restante 30% da polimeticci con caratteristiche molto variabili, non ascrivibili ad alcun gruppo etnico

Biodiversità ovina iberoamericana. Caracterización y uso sostenible

Vincenzo Landi
;
2010

Abstract

Il patrimonio ovino italiano, che ha subito irrilevanti modifiche dagli inizi del 1900, si aggira sugli 11 milioni di capi ed è concentrato per il 95% nell’Italia centro meridionale ed insulare (fig 1 e 2; tab 1). Dal punto di vista genetico esso risulta per il 70% costituito da razze a preminente produzione latte o carne e per il restante 30% da polimeticci con caratteristiche molto variabili, non ascrivibili ad alcun gruppo etnico
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/288088
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact