Attraverso l'analisi di una commedia satirica sul cinema, La torre di Babele del 1938, e attingendo a un carteggio inedito si tratteggiano sia la fisionomia del commediografo Guglielmo Giannini, fondatore del movimento dell'Uomo Qualunque, sia i temi della politica italiana del dopoguerra e della rifondazione del teatro nazionale attorno al concetto di regia.

La babele del cinema e della politica in una commedia di Guglielmo Giannini

Franco Perrelli
2018

Abstract

Attraverso l'analisi di una commedia satirica sul cinema, La torre di Babele del 1938, e attingendo a un carteggio inedito si tratteggiano sia la fisionomia del commediografo Guglielmo Giannini, fondatore del movimento dell'Uomo Qualunque, sia i temi della politica italiana del dopoguerra e della rifondazione del teatro nazionale attorno al concetto di regia.
9788874706389
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
GIANNINI 19_Perrelli_I_b.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Pre-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 80.79 kB
Formato Adobe PDF
80.79 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/287920
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact