Ibsen: la percezione dell’esotico e il destino della civiltà