Sabbatini: la verità professionale e la scenografia come metafora cosmica