Il trattato sull'arte del fabbricare le scene di Sabbatini, coevo del Discorso sul metodo cartesiano, è un rilevante documento di sintesi, di relativa originalità, d’indubbia matrice periferica – come voleva del resto Elena Povoledo –, ma anche un segnale sensibilissimo e spontaneo dello spirito barocco poiché illustra, da un lato, un travaso o traduzione di teoria astratta in una volenterosa prassi umana, da un altro, tramite ciò, una ricostruzione gerarchica e simbolica di un cosmo, che non può che culminare nella dichiarazione della sfuggente consistenza della vita.

Sabbatini: la verità professionale e la scenografia come metafora cosmica

Perrelli Franco
2016

Abstract

Il trattato sull'arte del fabbricare le scene di Sabbatini, coevo del Discorso sul metodo cartesiano, è un rilevante documento di sintesi, di relativa originalità, d’indubbia matrice periferica – come voleva del resto Elena Povoledo –, ma anche un segnale sensibilissimo e spontaneo dello spirito barocco poiché illustra, da un lato, un travaso o traduzione di teoria astratta in una volenterosa prassi umana, da un altro, tramite ciò, una ricostruzione gerarchica e simbolica di un cosmo, che non può che culminare nella dichiarazione della sfuggente consistenza della vita.
978-8893660082
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Povoledp.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 243.94 kB
Formato Adobe PDF
243.94 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/287804
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact