Ludvig Josephson (1832-1899), per anni "primo regista" al Teatro Reale di Stoccolma, è stato uno degli uomini di teatro che ha avuto maggiore consapevolezza della transizione della propria professione da un tradizionale artigianato alla dimensione artistica. Nel 1866, allestisce un proprio dramma, "Le figlie del duce Stig", nel quale le didascalie giocano un ruolo registico preponderante che non sfugge alla critica contemporanea, la quale è spinta pertanto a interrogarsi sulle relazioni fra attore-regista e drammaturgo nella pratica teatrale, riconoscendo implicitamente che sulle scene dell'epoca si è affacciata una nuova funzione estetica: la regia.

Ludvig Josephson, le metteur en scène dramaturge

Franco Perrelli
2010

Abstract

Ludvig Josephson (1832-1899), per anni "primo regista" al Teatro Reale di Stoccolma, è stato uno degli uomini di teatro che ha avuto maggiore consapevolezza della transizione della propria professione da un tradizionale artigianato alla dimensione artistica. Nel 1866, allestisce un proprio dramma, "Le figlie del duce Stig", nel quale le didascalie giocano un ruolo registico preponderante che non sfugge alla critica contemporanea, la quale è spinta pertanto a interrogarsi sulle relazioni fra attore-regista e drammaturgo nella pratica teatrale, riconoscendo implicitamente che sulle scene dell'epoca si è affacciata una nuova funzione estetica: la regia.
9788874701070
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/287791
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact