Giacomo Tritto: un convitato di pietra all'ombra di Mozart