Pubblicato dopo The Time Traveller, questo scientific romance di Wells è ambientato su un’isola sperduta dei Mari del Sud: un’isola non ancora mappata, invisibile. Quest’isola è il palcoscenico delle azioni di novelli Prosperi e Calibani: anche qui uno scienziato si cimenta con esseri «savage and deformed» ma in chiave evoluzionistica accelerata. È suggestivo leggere la storia ambientata sull’isola di Moreau come la metafora narrativa di un’immagine che lungo l’800, inglese e non, prende piede, quella della colonia lontana come valvola di sfogo della civiltà moderna: uno spazio distopico (Suvin) ed eterotopico (Foucault) allo stesso tempo. Il tentativo allora è quello di capire, attraverso gli strumenti del pensiero decoloniale, se e come Wells usi questa dimensione come "spazio critico” del colonial gaze. Infine, se la sua narrativa arrivi a prefigurare una sorta di scrittura postcoloniale, ante-litteram, focalizzata sul binarismo progresso/barbarie, alla base della master narrative imperiale britannica. Le conclusioni cui si arriva sono che, nel racconto di un estremo disegno in un estremo spazio, Wells (profeta ma europeo e borghese), prova a sottrarsi alla trappola della colonialità (Quijano), ma ci riesce parzialmente, cedendo al dispositivo della forgetfulness (Maldonado-Torres): quell’immensa operazione amnesica atta a invisibilizzare la dannazione e i dannati (Fanon), i tanti uomini bestia usati ed abusati dai tanti Moreau della storia imperialista euroepa.

IN SPAZI ESTREMI, ESTREMI DISEGNI: L’ISOLA DI DOCTOR WELLS FRA MEMORIA E AMNESIA COLONIALE. UN APPROCCIO DECOLONIALE

Luigi Carmine Cazzato
2020

Abstract

Pubblicato dopo The Time Traveller, questo scientific romance di Wells è ambientato su un’isola sperduta dei Mari del Sud: un’isola non ancora mappata, invisibile. Quest’isola è il palcoscenico delle azioni di novelli Prosperi e Calibani: anche qui uno scienziato si cimenta con esseri «savage and deformed» ma in chiave evoluzionistica accelerata. È suggestivo leggere la storia ambientata sull’isola di Moreau come la metafora narrativa di un’immagine che lungo l’800, inglese e non, prende piede, quella della colonia lontana come valvola di sfogo della civiltà moderna: uno spazio distopico (Suvin) ed eterotopico (Foucault) allo stesso tempo. Il tentativo allora è quello di capire, attraverso gli strumenti del pensiero decoloniale, se e come Wells usi questa dimensione come "spazio critico” del colonial gaze. Infine, se la sua narrativa arrivi a prefigurare una sorta di scrittura postcoloniale, ante-litteram, focalizzata sul binarismo progresso/barbarie, alla base della master narrative imperiale britannica. Le conclusioni cui si arriva sono che, nel racconto di un estremo disegno in un estremo spazio, Wells (profeta ma europeo e borghese), prova a sottrarsi alla trappola della colonialità (Quijano), ma ci riesce parzialmente, cedendo al dispositivo della forgetfulness (Maldonado-Torres): quell’immensa operazione amnesica atta a invisibilizzare la dannazione e i dannati (Fanon), i tanti uomini bestia usati ed abusati dai tanti Moreau della storia imperialista euroepa.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2020_Ledizioni_L’isola di Doctor Wells fra memoria e amnesia coloniale.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione 1.02 MB
Formato Adobe PDF
1.02 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/272581
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact