Letteratura, civiltà tecnologica e mass-media: la poesia visiva di Michele Perfetti negli anni tarantini