L'interesse dei cittadini europei verso il benessere degli animali risente di diverse variabili: la tipologia di consumatore e il suo paese di appartenenza, ad esempio. Al fine di valutare il benessere degli animali nell’azienda agricola, è essenziale sviluppare parametri oggettivi, ovvero animal-based measures, riguardanti il comportamento, la salute e la fisiologia degli animali. La determinazione di indicatori validi e affidabili di benessere animale rappresenta l’obiettivo chiave di diversi programmi di ricerca. Agli strumenti utilizzati vanno aggiunte, inoltre, indagini rivolte agli agricoltori, a esperti del settore e ai consumatori di carne. L’obiettivo dello studio è stato indagare le abitudini alimentari degli italiani rispetto al consumo di carne e di valutare la loro conoscenza del benessere degli animali correlandola con la disponibilità a pagare un prodotto etichettato animal-friendly. Durante lo studio è stato sottoposto un questionario composto di ventitré domande a risposta chiusa a cinquecento intervistati. I risultati dell’indagine sono stati, quindi, elaborati attraverso analisi statistiche multivariate. La variabile che è risultata in grado di influenzare maggiormente il prezzo di acquisto della carne è il luogo di acquisto, con un’ampia oscillazione tra la Grande Distribuzione Organizzata (G.D.O.) e i piccoli esercizi commerciali che propongono prodotti biologici. Inoltre, si evince che l'interesse verso il tema del benessere degli animali è direttamente correlato alla disponibilità economica e al grado d’istruzione del consumatore. Infine, dallo studio emerge la necessità di garantire un sostegno finanziario agli agricoltori che allevano gli animali in conformità al loro benessere, per coprire i costi aggiuntivi necessari ad assicurare tali condizioni di allevamento.

The interest of European consumers towards animal welfare can be influenced by several variables, both related to the consumers themselves and to the different countries of the EU. In order to assess animal welfare at farm level, it is essential to develop animal-based measures in accordance with the animals’ actual welfare state in terms of their behaviour, health and physiology. The search for valid and reliable indicators is a key objective of several research programs especially for assessing welfare at farm level and the tools may include surveys addressed to farmers. However, there is a need to guarantee financial support for farmers who breed animals in accordance with such welfare conditions, to cover their additional costs. The aim of the study was to investigate the eating habits of Italian consumers regarding meat consumption linked to their knowledge of animal welfare and to their willingness to pay. We investigated consumers’ understanding of animal welfare using a questionnaire (based on a list of twenty-three closed-ended questions) designed for collecting data from large numbers of respondents and multivariate statistical analysis. The data in our study showed that the variable with the greatest influence on purchase price was the place of meat purchase. As regards level of education, it appears that people with a high level of education are more concerned about animal welfare and, consequently, are willing to spend a higher price when buying meat. Consumer attention to the animal-welfare issue is on the rise and, in parallel with this growth, there is also a greater willingness to pay, i.e. a surcharge for the products obtained in the respect of animal welfare. This growth is influenced by the awareness and knowledge of the characteristics of animal welfare.

Consumer attitudes towards animal welfare and their willingness to pay

Bozzo G.;Barrasso R.
;
Tantillo G.;Roma R.
2019

Abstract

The interest of European consumers towards animal welfare can be influenced by several variables, both related to the consumers themselves and to the different countries of the EU. In order to assess animal welfare at farm level, it is essential to develop animal-based measures in accordance with the animals’ actual welfare state in terms of their behaviour, health and physiology. The search for valid and reliable indicators is a key objective of several research programs especially for assessing welfare at farm level and the tools may include surveys addressed to farmers. However, there is a need to guarantee financial support for farmers who breed animals in accordance with such welfare conditions, to cover their additional costs. The aim of the study was to investigate the eating habits of Italian consumers regarding meat consumption linked to their knowledge of animal welfare and to their willingness to pay. We investigated consumers’ understanding of animal welfare using a questionnaire (based on a list of twenty-three closed-ended questions) designed for collecting data from large numbers of respondents and multivariate statistical analysis. The data in our study showed that the variable with the greatest influence on purchase price was the place of meat purchase. As regards level of education, it appears that people with a high level of education are more concerned about animal welfare and, consequently, are willing to spend a higher price when buying meat. Consumer attention to the animal-welfare issue is on the rise and, in parallel with this growth, there is also a greater willingness to pay, i.e. a surcharge for the products obtained in the respect of animal welfare. This growth is influenced by the awareness and knowledge of the characteristics of animal welfare.
L'interesse dei cittadini europei verso il benessere degli animali risente di diverse variabili: la tipologia di consumatore e il suo paese di appartenenza, ad esempio. Al fine di valutare il benessere degli animali nell’azienda agricola, è essenziale sviluppare parametri oggettivi, ovvero animal-based measures, riguardanti il comportamento, la salute e la fisiologia degli animali. La determinazione di indicatori validi e affidabili di benessere animale rappresenta l’obiettivo chiave di diversi programmi di ricerca. Agli strumenti utilizzati vanno aggiunte, inoltre, indagini rivolte agli agricoltori, a esperti del settore e ai consumatori di carne. L’obiettivo dello studio è stato indagare le abitudini alimentari degli italiani rispetto al consumo di carne e di valutare la loro conoscenza del benessere degli animali correlandola con la disponibilità a pagare un prodotto etichettato animal-friendly. Durante lo studio è stato sottoposto un questionario composto di ventitré domande a risposta chiusa a cinquecento intervistati. I risultati dell’indagine sono stati, quindi, elaborati attraverso analisi statistiche multivariate. La variabile che è risultata in grado di influenzare maggiormente il prezzo di acquisto della carne è il luogo di acquisto, con un’ampia oscillazione tra la Grande Distribuzione Organizzata (G.D.O.) e i piccoli esercizi commerciali che propongono prodotti biologici. Inoltre, si evince che l'interesse verso il tema del benessere degli animali è direttamente correlato alla disponibilità economica e al grado d’istruzione del consumatore. Infine, dallo studio emerge la necessità di garantire un sostegno finanziario agli agricoltori che allevano gli animali in conformità al loro benessere, per coprire i costi aggiuntivi necessari ad assicurare tali condizioni di allevamento.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Veterinaria Italiana 22-10-2019.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 203.39 kB
Formato Adobe PDF
203.39 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/256822
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? 1
  • Scopus 4
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 5
social impact