Il giudice a quo come tutore del consumatore