Il “fantasma” della sovranità