"La grande bellezza" viene esaminata in quanto scrittura: mi riferisco in primo luogo alla sua "qualitas" di sceneggiatura e, dunque, ‘testo’ che precede il film. Già in quanto scrittura "La grande bellezza" ha una sua ‘visività’, cioè una rete di segni a forte valenza figurativa che è utile confrontare col film, ma anche con le foto di scena che sono state oggetto di studio. In secondo luogo, della scrittura "La grande bellezza" ha uno dei tratti più costitutivi, quello dell’intertestualità che coinvolge riferimenti propriamente letterari, a cominciare dalla costruzione del protagonista sulla falsariga dello Sperelli dannunziano e del Michele moraviano. Al "Piacere" e a "Gli indifferenti" si affiancano evocazioni di Petronio, Flaubert, Céline, Dostoevskij e Breton. Questa rete di allusioni letterarie (accanto alle quali si collocano quelle cinematografiche, musicali e figurative, fra il colto e il kitsch) fa di questa sceneggiatura uno dei ragionamenti più amari intorno alla post-realtà contemporanea.

Strategie letterarie de La “Grande bellezza” di Paolo Sorrentino

Daniele Maria Pegorari
2019

Abstract

"La grande bellezza" viene esaminata in quanto scrittura: mi riferisco in primo luogo alla sua "qualitas" di sceneggiatura e, dunque, ‘testo’ che precede il film. Già in quanto scrittura "La grande bellezza" ha una sua ‘visività’, cioè una rete di segni a forte valenza figurativa che è utile confrontare col film, ma anche con le foto di scena che sono state oggetto di studio. In secondo luogo, della scrittura "La grande bellezza" ha uno dei tratti più costitutivi, quello dell’intertestualità che coinvolge riferimenti propriamente letterari, a cominciare dalla costruzione del protagonista sulla falsariga dello Sperelli dannunziano e del Michele moraviano. Al "Piacere" e a "Gli indifferenti" si affiancano evocazioni di Petronio, Flaubert, Céline, Dostoevskij e Breton. Questa rete di allusioni letterarie (accanto alle quali si collocano quelle cinematografiche, musicali e figurative, fra il colto e il kitsch) fa di questa sceneggiatura uno dei ragionamenti più amari intorno alla post-realtà contemporanea.
978-884675553-7
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2019. Strategie letterarie della “Grande bellezza” di Paolo Sorrentino.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 1.38 MB
Formato Adobe PDF
1.38 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/242689
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact