Tra la violenza radicale e l’illogica della resistenza. Considerazioni intempestive