I corpi ‘terminali’ di Guido Oldani