La nuova Babele: Napoli attraverso gli occhi di un «povero scrivano»