Note sulla dominanza emisferica nella comprensione del linguaggio figurato