Perché la scienza deve credere ai vampiri