Dalla Digital Culture al Digital Cultural Heritage: l’evoluzione impossibile?