I bambini ‘donne à penser’. Gli amanti di Paul Ricoeur avranno riconosciuto subito il gioco di parole che il filosofo ci ha insegnato, mostrandoci come nella lingua francese ‘donne à penser’ significhi sia ‘dare a pensare’ (mettere in questione, far riflettere, spingere all’interrogazione) sia ‘fare un dono’ (donne) al pensiero2. E questo, ovviamente, vale (o dovrebbe valere) anche per gli altri linguaggi. Che cosa donano i bambini alla filosofia e alle arti?

Quando i bambini danno a pensare

CAPUTO, ANNALISA
2016

Abstract

I bambini ‘donne à penser’. Gli amanti di Paul Ricoeur avranno riconosciuto subito il gioco di parole che il filosofo ci ha insegnato, mostrandoci come nella lingua francese ‘donne à penser’ significhi sia ‘dare a pensare’ (mettere in questione, far riflettere, spingere all’interrogazione) sia ‘fare un dono’ (donne) al pensiero2. E questo, ovviamente, vale (o dovrebbe valere) anche per gli altri linguaggi. Che cosa donano i bambini alla filosofia e alle arti?
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
00b. A. Caputo - Quando i bambini danno a pensare.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 466.61 kB
Formato Adobe PDF
466.61 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/193962
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact