«Non v’è nano che sia amico di un gigante». Presenza di Vico dal «Caffè» alla «Biblioteca italiana»