Il rispetto del secondo me: la scelta e la vocazione