Fukuyama in poesia? La débacle della storia nell'ultimo Montale