Sul filo della „memoria‟ e della „gratitudine‟, Daniella Iannotta ricostruisce la posizione di Ricoeur nei confronti del linguaggio (o meglio ai linguaggi). Una serie di ricordi personali ci mostrano un Ricoeur meno noto: che si perde tra siti archeologici e musei, che ascolta musica, e che polemizza con il cinema, quando non è fedele alle fonti e non aiuta il lavoro della memoria. Resta comunque la convinzione che ogni forma d‟arte dà a pensare; e che, considerando i film come testi, possiamo applicare ad essi le categorie della mimesis ricoeuriana.

Il dialogo di Ricœur con le arti ed in particolare con il cinema. Intervista a D. Iannotta

Caputo Annalisa
2015

Abstract

Sul filo della „memoria‟ e della „gratitudine‟, Daniella Iannotta ricostruisce la posizione di Ricoeur nei confronti del linguaggio (o meglio ai linguaggi). Una serie di ricordi personali ci mostrano un Ricoeur meno noto: che si perde tra siti archeologici e musei, che ascolta musica, e che polemizza con il cinema, quando non è fedele alle fonti e non aiuta il lavoro della memoria. Resta comunque la convinzione che ogni forma d‟arte dà a pensare; e che, considerando i film come testi, possiamo applicare ad essi le categorie della mimesis ricoeuriana.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
24. Iannotta - Il dialogo di Ricœur con le arti ed in particolare con il cinema.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 341.86 kB
Formato Adobe PDF
341.86 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/139946
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact