«Ho un banco vuoto da qualche settimana»: dispersione scolastica e narrativa italiana