Philip Larkin: un poeta non solo "moderno"