Lavoro: se la flessibilità vuol dire più responsabilità e meno diritti