Sul "Settecento inedito fra Salento e Napoli". Fedeltà alla ragione con il mito del sentimento