Un’operazione culturale che condanna il Mezzogiorno