Umberto Barbaro e il "realismo" della letteratura