Modelli di partecipazione e contratto collettivo: alternatività o similitudini?