Moda e cinema. Macchine di senso/ scritture del corpo