Diversamente da quanto sospettava Giuseppe Giangrande (1972), Meleagro in AP 5.152 non intende assimilare la zanzara a Eros, ma piuttosto le affida in modo umoristico un ruolo magico-demonico. La dimensione magica non si limita a singoli aspetti formali ma pervade l'intero poema: la zanzara è, di fatto, evocata nel ruolo di paredros del poeta. L’epigramma si caratterizza per un’(auto)ironia poeticamente scaltrita, dove le allusioni lessicali e strutturali alla sfera della magia, e in particolare alle agogai erotiche (ampiamente note attraverso i formulari magici restituiti dai papiri egiziani) sono parte integrante di una consapevole operazione letteraria con cui Meleagro mira non tanto a trasferire pedissequamente nell’epigramma una pratica magica, ma piuttosto a catturare lo spirito dei suoi modelli per riadattarlo alle proprie esigenze poetiche e, in questo caso, umoristiche (come rivela il finale del componimento). Una detorsio, a ben vedere, del tutto in linea con i princìpi letterari alessandrini.

Implicazioni magiche in Meleagro AP 5.152 / ANDREASSI M. - In: ZEITSCHRIFT FÜR PAPYROLOGIE UND EPIGRAPHIK. - ISSN 0084-5388. - 176(2011), pp. 69-81.

Implicazioni magiche in Meleagro AP 5.152

ANDREASSI, Mario
2011

Abstract

Diversamente da quanto sospettava Giuseppe Giangrande (1972), Meleagro in AP 5.152 non intende assimilare la zanzara a Eros, ma piuttosto le affida in modo umoristico un ruolo magico-demonico. La dimensione magica non si limita a singoli aspetti formali ma pervade l'intero poema: la zanzara è, di fatto, evocata nel ruolo di paredros del poeta. L’epigramma si caratterizza per un’(auto)ironia poeticamente scaltrita, dove le allusioni lessicali e strutturali alla sfera della magia, e in particolare alle agogai erotiche (ampiamente note attraverso i formulari magici restituiti dai papiri egiziani) sono parte integrante di una consapevole operazione letteraria con cui Meleagro mira non tanto a trasferire pedissequamente nell’epigramma una pratica magica, ma piuttosto a catturare lo spirito dei suoi modelli per riadattarlo alle proprie esigenze poetiche e, in questo caso, umoristiche (come rivela il finale del componimento). Una detorsio, a ben vedere, del tutto in linea con i princìpi letterari alessandrini.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/741
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact