La PAS tra negazione e scientificità