"Omnes et singulatim". Il doppio vincolo del governo