La morte, il tempo, il linguaggio. In margine al XIII libro del «De civitate Dei»