La "questione rom" come limite attuale della democrazia